Abramo in valle Bormida ( Italia, "fegato del mondo" )

Geografia

Il monte Cervino/Ubanu/Matterhorn

In Europa, la piramide per eccellenza e' il monte Cervino (Matterhorn), in particolare per chi arriva da settentrione. Arrivati a Zermatt, in Svizzera, la vista della piramide e' unica.

Sempre per chi arriva da settentrione, il Cervino rappresenta anche il bivio per spostarsi nella valle del Po (passando a sinistra del Cervino) o nella valle del Rodano (passando alla sua destra).

Per chi si trova nella valle del Po, il Cervino e' identificabile sapendo che fa parte del massiccio del Monterosa, il cui profilo supera in misura l'intero arco alpino ed e' visibile fin dalle regioni vicine all'Adriatico (sempre che la nebbia della pianura, o il suo inquinamento atmosferico, non ne impedisca la visuale).

Nella mapa babilonese viene chiamato UBANU (the finger, il dito).

La morena piu' grande d'Europa ("la serra")

Dirigendosi verso il massiccio del Monterosa ci si trova con il passare a destra o a sinistra della morena piu' grande d'Europa, una struttura alpina pressoche' unica. Lunga almeno trenta chilometri e perfettamente semicircolare come una serra gigantesca, ritroviamo questa formazione geologica nelle mappe etrusca e babilonese. In particolare, quest'ultima mappa mostra la morena dandogli una posizione geografica piu' accurata (rispetto al resto della catena alpina scende verso il sud).

Il Monviso

Anche nel caso del Monviso la mappa babilonese e' piu' accurata. Si puo' notare come il Monviso faccia parte di una catena alpina che chiude la pianura padana e rispetto a questa catena la sua prominenza e' tale da diventarne punto di riferimento (cosi' come nella realta', in cui il profilo della montagna guardando a occidente rimane visibile anche in lontananza).

I Babilonesi lo chiamano SIBTU (the increment, la punta che nella catena si incrementa piu' delle altre). Alla base del Monviso viene riportato nella mappa babilonese il NAR AMUTI (the river of the liver, il fiume del "fegato" e sappiamo tutti che dal Monviso nasce il fiume Po).

La regione NIRU, intorno al monte SIBTU (figura), viene citata nei commentari delle mappe con episodi relativi al regno di Subartu (terzo-secondo millennio avanti Cristo) dei Ligures Sabates (presenti in epoca preromana).

Il Vesuvio e l'Etna

I due vulcani sono identificati nella mappa etrusca grazie alla presenza del vocabolo TLUS (che identifica altresi' la montagna a forma di piramide al centro della mappa, il Cervino/Matterhorn).

Lo stretto di Messina

Lo stretto di Messina e' ben visibile nella mappa etrusca (con un segno lungo ben distinto) accanto al vulcano Etna.

A nord delle Alpi

Nel mezzo delle pianure germaniche e' presente nella mappa babilonese la scritta "the defeat of the enemy army", e' avvenuta qui la sconfitta dell'esercito nemico da parte dei possessori della mappa. Nei commentari delle mappe troviamo la citazione di Rimus, re del mondo (2300 avanti Cristo).

La terra dei fiumi (NAIRI-NEURI)

La regione chiamata NAIRI nelle iscrizioni assire ("terra dei fiumi") viene attualmente considerata come l'odierna Armenia (nonostante questa venga chiamata in altro modo in altri documenti assiri).

Il geografo greco Strabone riporta che a settentrione dell'Italia, spostati sulla destra ci stavano i NEURI.

[...]