Abramo in valle Bormida

L-T, "all'ultima lettera-posizione"


Elenco dei messaggi

Inviato da: Mauro il November 02, 2002 at 20:28:08:

In risposta a: Re: LARS LADS LATS LATN
Inviato da MASSIMO il November 02, 2002 at 11:45:33:

Massimo scrive:
"gli abitanti della valle dell'Inn e delle
Dolomiti vengono ancor oggi chiamati "Ladini",
cioe' Latini..."

Questa e' la piu' facile da riscontrare nel senso
che la mia ricostruzione vede il "mar Morto"
biblico come mar Tarantasio (lago Gerundio) che
avevamo al centro della pianura padana fino a
pochi secoli fa. Nella Genesi, Abramo torna nelle
valli liguri e si divide dal figlio LOT che
rimane nella valle del Giordano-Eridano, ai bordi
del mare-lago (l'odierna LODI). Poi ci sono i
discendenti di Lot che sono gli Ammoniti e i
Moabiti che rimangono nel territorio prealpino-
alpino anche nelle epoche successive.

Se l'epoca di LOT fosse primordiale ci sarebbe
lui ad aver generato parecchi dei termini
successivi, altrimenti e' lui stesso a provenire
da qualcosa di precedente.

Riguardo ai termini "later, lateramen,
latericius, latifundium, latio, latitudo, Lato,
Latona eccetera":

- se consideriamo la L iniziale come prefisso
(equivale al dativo latino) resta la consonante T
con il TUI che e' il segno cinese indicante
l'ovest e tante altre cose legate alla geografia
europea e in particolare all'Italia che tiene
forma di T (vedi segno cuneiforme "lish")

- comunque sia, il termine LT ("lato") e il suo
contrario "TL" (telo, estremita' finale greca)
mostrano la caratteristica principale di questa
coppia di consonanti di trovarsi alla fine di
qualcosa (in particolare la T e' l'ultima
dell'alfabeto fenicio-biblico, la L il suo
equivalente nell'alfabeto Fudark con sequenza
semitica)

- nel caso della T come ultima lettera
dell'alfabeto fenicio-biblico ecco che il
prefisso L semitico risulta adesso ottimale, "L-
T", "ALLA FINE" (a lato, al bordo, eccetera)

- lo stesso LOT come LODI viene a trovarsi sul
LATO ALDILA' del fiume (con questo ALDILA',
ALTILA' che e' il "bifrontale" LT-TL)

- sempre LOT come LODI di diffonde poi nelle
montagne ALTE, anche loro LT (anche l'ALTO e' il
bordo estremo del punto centrale dove ci troviamo
noi)

- il LATE inglese come "ritardo" mostra
anche "RITA-RD" come "LT-LT" (con l'equivalenza R-
L) e in entrambi i casi siamo in una distanza
temporale OLT-RE (LT anche questa)

- gli ULTIMI hanno anche loro LT come radice

- il portare, LATIO, in quanto "portare"
significa spostarsi da un LATO all'altro

- i muri delle case diventano i confini del
nostro mondo personale e sono quindi LT anche
loro (per collegarci ai LATERIZI)

Piu' difficile invece la questione LATONA e ATON.
In questo caso la L come prefisso semitico ci
porta direttamente "a Aton", una dedicarsi alla
divinita' ATON. Per parlare di loro due bisogna
citare anche decine di altri sinonimi con cui era
conosciuta l'entita' geografica massima (se non
quella mondiale quella europea di sicuro che
potrebbe pero' essersi frammentata in tante
realta' locali). Per esempio, ci sono anche:

TIN, divinita' massima etrusca

NUT, la "notte" egiziana con Geb dall'altra parte
e Shu tra loro due

ODINO nordico (che nella versione WUDAN potrebbe
esserci la bilingue YhVh-Iove-Vayu-Geova insieme
a Tin)

Saluti,
Mauro
http://www.cairomontenotte.com/abramo/


Messaggi correlati:



Oggetto:

Commento: