Abramo in valle Bormida

Re: DURANT francese e DURANTEM latino


Elenco dei messaggi

Inviato da: carlo il November 03, 2002 at 08:00:51:

In risposta a: DURANT francese e DURANTEM latino
Inviato da Mauro il November 03, 2002 at 05:44:01:

: Aggiungiamo il DURANT francese a quelli
italiani-
: spagnoli-portoghesi. Tutti provenienti da un
: substrato linguistico diverso da quello latino?

: La stessa parola usata nello stesso modo c'e'
: anche in Latino e magari non la si trova nei
: vocabolari perche' appunto proviene dal verbo e
: generalmente non c'e' bisogno di elencare tutti
i
: sostantivi-aggettivi-avverbi derivanti dai
verbi.

: Mi riferisco alla parola latina DURANTEM e in
tal
: senso mi limito a riportare un brano di Sesto
: Giulio Frontino (nato il 30 circa avanti
Cristo),
: governatore della Britannia e curatore delle
: acque di Roma. Dalla sua opera "De Aquis",
volume
: primo:

: "tota deinceps aestate DURANTEM exploravi"

: Qualcuno pensa che tale DURANTEM sia differente
: dai DURANTE moderni? Se mi dite che questo
: DURANTEM compare verso la fine della frase
mentre
: in Italiano compare all'inizio, questo accade
con
: tutta la sintassi latina ("rosa pulchra est",
al
: contrario "e' bella la rosa").

: Il "durante" come "perdurante" (lo stesso
: identico verbo-sostantivo-avverbio-aggettivo)
: compare quasi ovunque nella letteratura latina.
: In questo caso riporto un brano moderno ma pur
: sempre latino:

: "Novitiatu perdurante, nulla eis committantur
: officia vel opera..." ("DURANTE IL
NOVIZIATO...")

: Tornando al DURANTEM (che viene usato gia' in
: epoca romana) ci sono alcuni classici come
Martin
: Lutero o Tommaso d'Aquino ma ce ne sono anche
: tanti altri che mostrano come questo termine
: fosse di uso comune nella lingua latina (e con
lo
: stesso significato del DURANTE-DURANT italiano-
: spagnolo-portoghese-francese):

: "alioquin imprudentissime agerent confessionum
: auditores DURANTEM imponendo penitentiam"

: "Ex quo adhuc apparet hoc esse inconveniens et
: impossibile, quod res sensibilis habeat motum
: inordinatum infinitum, idest infinito tempore
: DURANTEM: quia sicut dictum est, motus
: inordinatus est, qui est contra naturam"

: Saluti,
: Mauro
: http://www.cairomontenotte.com/abramo/

Mauro,
mentre apprezzo la tua riflessione (compresi i
riferimenti all'anagrafe di Dante, che non
ricordavo pi¨) mi confermo sulla sopravvivenza
dal substrato del latino della parola durante.
Durante questa riflessione, dovresti aver notato
che il verbo Ŕ stato la modalitÓ che ha fatto
emergere nella letteratura latina la parola; ma
che una preposizione come 'durante la scrittura',
che ti lascia incerto se non sia un avverbio di
tempo (che emerge durante) Ŕ difficilmente
pensabile come una semplice estensione del verbo.
Ci sono altre parole, in italiano, che coprano
integre tutti i casi grammaticali?
Il durant francese suggerisce una iniziale
durante dove la e finale, muta, viene omessa.
Il passo di Dante (Inferno III) centra il
significato di eterno durare implicito in DUR AN
TE. Pu˛ essere una coincidenza, pu˛ essere che la
coincidenza sia capitata per la riflessione
prolungata di Dante sul suo nome: avrebbe finito
per cogliere il nucleo semantico senza sapere
niente di chi l'aveva composto.
'PapŔ SatÓn, PapŔ SatÓn aleppe' ci dice che
qualche brandello gli era arrivato (ANTASUPPA
>PAPU SATAN; ANTASURRA > RARU SATAN etc.).




Messaggi correlati:



Oggetto:

Commento: