Abramo in valle Bormida

Re: scala territoriale


Elenco dei messaggi

Inviato da: Mauro il July 02, 2002 at 04:05:14:

In risposta a: Re: scala territoriale
Inviato da Massimo Rovani il July 01, 2002 at 14:12:55:

Il punto di partenza indiscutibile sono i fegati
babilonesi che con tutta evidenza sono lo stesso
identico "oggetto-entita'" rappresentato dal
fegato etrusco. A questo punto la differenza la
fanno i testi babilonesi che descrivono
questo "fegato" come una regione geografica con
montagne, citta', battaglie, regnanti eccetera
(con gli esperti che si dicono "incuriositi",
leggo questo sul libro di Koch-Westenholz, per
come i luoghi di questo "fegato" siano tutti
termini geografici).

Questo non esclude che ci siano paralleli con
altre "scale territoriali". Il parco dei
divertimenti Minitalia (un "tempio moderno")
riporta una copia in scala ridotta dell'Italia e
anche nel passato penso fosse normale riportare
in scala le realta' piu' grandi. Per esempio il
rilievo ittita di Yazilikaya lo considero una
rappresentazione geografica che parte dalla
Francia-Spagna e arriva in Turchia dove la
processione delle entita' geografiche occidentali
si incontra con quella delle entita' orientali
(tempo fa avevo anche approfondito la
disposizione "geografica" dei dodici apostoli
intorno al "Cristo-montagna").

Saluti,
Mauro
http://www.cairomontenotte.com/abramo/


: Problema per me spinoso. Sulla datazione del
: fegato etrusco sono riuscito a sapere ben poco,
: credo sia stata fatta in base ai caratteri
: epigrafici, se così fosse potrebbe essere per
sua
: stessa natura una datazione discutibile.
: Il fegato può forse essere stato costruito in
: connessione o in "memoria" di un rituale di
: fondazione (viste le cerimonie di
commemorazione
: assai ricorrenti per un evento così vitale). La
: mia ipotesi non si riferisce a Piacenza ma ad
una
: città "perduta", nella sua stessa provincia. Un
: po' strampalata, me ne rendo conto, tuttavia
: penso di aver trovato alcuni riscontri tra
: la "morfologia", l'orientazione del fegato e
una
: porzione del territorio provinciale. L'idea,
nata
: all'incirca un anno fa in occasione della
lettura
: di un libro
: di Joseph Rykwert sui rituali di fondazione, è
: questa: processus piramidalis = vetta sacra, la
: vesica fellea e il processus papillaris: due
: rilievi minori, la ruota : un sistema ingegnoso
: di percorsi e canalizzazioni che convogliano
: acqua all'ovale-centro cittadino
: (manzazu/presenza) stretto nel pomoerium. A
nord-
: est l'acropoli; a sud il corso d'acqua e, più
: oltre, la città con il suo sistema di
: approvvigionamento idrico e le sue campagne; ad
: est la necropoli, in un'angusta valle. Sul
retro
: il sole e la luna: forse la vacca bianca
: (all'interno) e il toro bianco (all'esterno)
del
: solco primigenio nel rito etrusco. Corteo che
si
: svolgeva in senso antiorario.





Messaggi correlati:



Oggetto:

Commento: