Abramo in valle Bormida

Gerusalemme

La lapide romana presente nel santuario del Todocco, in precedenza custodita nella parrocchiale di Torre Uzzone, riporta la scritta LMARIVS che a prima vista sembra riferirsi a un tizio chiamato Lucio Mario ma considerando l'insieme sono le consonanti che in diverso ordine compongono il nome IRVSALM-Ierusalem-Gerusalemme:

LMARIVS,IRVSALM-Gerusalemme

Le medesime significative consonanti sono presenti nell'antico nome "Salegium" (l'odierna Scaletta Uzzone) che, insieme alla consonante R della parola ebraica ^YR (citta'), messe in ordine sono "Girusalem" (Gerusalemme). Scaletta Uzzone si pone infatti come luogo al confine superiore dell'antica Gerusalemme.

Le lettere originali del nome ebraico YRVsLM disposte nell'ordine sLVRYM sono uguali a "Salvaregium", l'antico nome Salvarezzo della frazione di Santa Giulia chiamata Sanvarezzo, che a sua volta ha nella sua seconda parte "Varezzo" attinenza con il nome Verigi che il Casalis indicava nel suo dizionario essere il luogo (il vicino bric Preizi) da cui si puo' vedere il golfo di La Spezia.

La posizione geografica di Gerusalemme viene indicata nella descrizione dei confini della tribu' di Beniamino:

Confini della tribu' di Beniamino

Nel brano Giosue' 15:7-8 viene riportato che il confine "arrivava fino a En-Rogel (l'ebraico ^YN-RGL, "G^RLYN", la localita' Ciurlin), passava per la valle dei figli di Hinnom (l'ebraico BNY-hNM, la valle del Bonomo) sulla costa meridionale dei Gebusei che e' Gerusalemme e proseguiva sulla cima del monte che si trova a occidente della valle dei figli di Innom, all'estremita' settentrionale del pianoro dei Refaim" (e' importante fare presente che nella Bibbia viene usato il termine GY per indicare la "valle" dei figli di Innom, mentre viene usato il termine ^MQ per indicare quello che io ho tradotto "pianoro", diversamente da molte Bibbie che traducono entrambi i termini con "valle"... nel nostro caso si tratta quindi del monte di Gottasecca che si trova a settentrione del pianoro costituito anche dal bric Giampeire, "Jampeire", che contiene esattamente le lettere ebraiche YAMPR della parola ebraica RPAYM, i Refaim biblici).

Le mura di Gerusalemme

Gerusalemme (Jerusalem)

Nel brano Neemia 3:1 e seguenti e' presente la descrizione delle mura di Gerusalemme ricostruite nel periodo persiano:

porta delle pecoresYR hzANNoceto?
torre di MeahMGDL hMAhMoie
torre di HananeelMGDL HNNALs-HNVNAL, HLVNsN, bric Clavansana/Cravanzana
porta dei pescis^R hDGYMQuattesa
porta vecchias^R hYsNh
muro largoHVMh hRHBh
casa di JedaiahBYT YDYh
torre delle fornaciMGDL hTNVRYM
porta della valles^R hGYA
porta dei rifiutis^R hsPVTbric Boschetto
porta della sorgenteh^YNGrascin
muro della piscina di SiloeHVMT BRKT hsLHSalvarezzo/Sanvarezzo
(presso il giardino del re fino alle scale che scendono dalla citta' di Davide)(LGN hMLK V^D hM^LVT hYVRDVT M^YR DVYD)
piscinaBRKh
(davanti al sepolcro di Davide)(NGD QBRY DVYD)
casa dei prodiBYT hGBYM
curvaMQzVh
entrata della casa di EliashibPTH BYT ALYsYB
casa di Beniamino e HashubBYT BNYMN VHsVB
casa di AzariahBYT ^ZRYh
curvaMQzV^
angolohPNh
torre sporgente della casa del re in altoMGDL hYVzA MBYT hMLK h^LYVN
porta delle acques^R hMYM
torre grande sporgenteMGDL hGDVL hYVzA
muro di OphelHVMT h^PL
porta dei cavallis^R hSVSYMCavallini
casa dei sacerdotiBYT hKhNYMPieve
casa di ZadokBYT zDVQ
porta orientales^R hMZRH
camera di MeshullimNSKTV MsLM
casa dei Nethimim e dei mercantiBYT hNTYNYM VhRKLYM
porta della rassegnas^R MPQD
piano superiore, angolo^LYT hPNh
porta delle pecores^R hzANNoceto?

Sion (il bric Nisse), la citta' di Davide

Il brano Samuele 5:7 ci ricorda che la "fortezza di Sion" (MzDT zYVN) e' chiamata anche "citta' di Davide" (^YR DVYD), la localita' non dove Davide e' nato ma dove ha esercitato la sua regalita' dopo averla conquistata e dove si trovano la maggior parte delle sepolture dei primi re di Israele.

Inizialmente, nel tentativo di localizzarla con esattezza verrebbe da pensare a Niosa... ma una serie di motivi ci porta a concludere che il centro di Sion sia costituito dal bric Nissa tra Gorra e Lodisio. Innanzitutto la precedente descrizione delle mura di Gerusalemme nel periodo persiano specifica nel brano Nehemiah 3:15 che Shallum riparo' il muro della piscina di Siloe, presso il gairdino del re, fino ai gradini che scendono dalla citta di Davide" mostrando quindi che rispetto a questa zona di Gerusalemme bisogna salire un poco piu' in alto per arrivare a Sion.

Sion, la citta di Davide (Zion, the city of David)

Diventa decisivo, per l'identificazione precisa di Sion, il brano 32:30 del secondo libro delle Cronache:

Ancora oggi, come mostrato nella seguente immagine, nonostante siano passati piu' di duemila anni la fonte vicino a Gorra non e' libera di scorrere ma e' convogliata, cosi' come aveva deciso Ezechia, lungo il fianco occidentale di Gorra e del bric Nisse. Ovviamente l'antico tragitto seguito dall'acquedotto di Ezechia e' presumibile che seguisse maggiormente la curvatura del terreno cosi' da poter scorrere con una pendenza leggera e continua (rispetto a quello odierno avrebbe una curva maggiore a settentrione e successivamente resterebbe sulla isolinea dei 620 metri circa):

Ezechia chiude la sorgente superiore del Ghion e convoglia le sue acque lungo il lato occidentale di Sion, la citta' di Davide (Hezekiah stopped the upper watercourse of Gihon and brought it straight down to the west side of Zion, the city of David)

La casa di Dio (il tempio di Salomone)

  • Indicazioni bibliche riguardanti la localizzazione del tempio di Salomone:

    Nell'attesa di trovare maggiori dettagli che ci permettano di identificare l'esatta posizione dello scomparso tempio di Salomone possiamo far conto che a Santa Giulia la sopraddetta "altura boscosa", sebbene oggi poco boscosa, sia per esclusione la "collina del castello" che svetta sui pianori circostanti:

    Salomone inizio' quindi a costruire la casa di Dio a Gerusalemme sul monte Moriah (Solomon began to build the house of the Lord at Jerusalem in mount Moriah)

    L'uccisione di Joas

    Nel brano 12:20 del secondo libro dei Re si racconta che i servi del re Joas ordinono una congiura e uccisero il re nella casa di Millo (l'ebraico MLA) sulla discesa verso Silla (l'ebraico SLA). Nell'immagine seguente viene mostrata la corrispondenza tra il biblico Millo e la localita' Almo, e quella tra il biblico Silla e la localita' Lesci:

    I servi di Joas si rivoltarono, ordirono una congiura e lo uccisero nella casa di Millo, sulla discesa verso Silla (And his servants arose, and made a conspiracy, and slew Joash in the house of Millo, which goeth down to Silla)

    Cafenata

    Nei tempi piu' recenti descritti dai due libri dei Maccabei, Gionata ripara il muro chiamato Cafenata:

    Getsemani e monte degli Ulivi

    Inizialmente avevo pensato alle Case Monti come Getsemani e al bric Preizi come monte degli Ulivi, ma con l'identificazione maggiormente precisa di Gerusalemme la questione si e' spostata verso le colline a destra di Santa Giulia. Attira l'attenzione il nome del bric Palmolari in quanto la "palma olearia" sembrerebbe indicare tale monte degli ulivi... ma non ci siamo ancora spostati abbastanza... il monte degli Ulivi sembrerebbe quello aldila' del torrente dei Benentini che sarebbe da identificare come torrente Chidron che viene superato da Davide quando si allontana da Gerusalemme (brano 15:23 del secondo libro di Samuele).

    Brevemente, l'ipotesi maggiormente credibile e' quella che il monte degli Ulivi, il biblico Olivet, sia il bric Petacchi con il suo nome riconducibile all'ebraico BZYT ("sull'olivo"), le lettere BTYZ/Betazzi/Petassi/Petacchi. Il nome biblico Olivet ricorre:

    Come riportato nel Vangelo secondo Matteo, Gesu' e i suoi discepoli dopo l'ultima cena uscirono da Gerusalemme e salirono sul monte degli ulivi, per poi scendere al podere chiamato Getsemani:

    Il nome "Getsemani" e' costituito dalle due parole ebraiche GT (pressa) e sMN (olio). Risulta evidente che il podere chiamato Getsemani e' "sopra" il monte degli Ulivi dato che vanno sul monte degli ulivi (Matteo 26:30) e si recano in tale podere (Matteo 26:30), non alle pendici del monte. Teniamo conto, inoltre, che Gesu' per ben tre volte sale sulla cima del monte degli Ulivi e torna indietro dai discepoli che si trovavano nel podere Getsemani... sembra ovvio che non ci sia molta distanza tra il podere e la cima del monte... la conclusione e' che tale podere "GT-sMN" sia la contrada Coda che si trova a poca distanza dalla cima del bric Petacchi.

    Getsemani (Coda) e monte degli Ulivi (bric Petacchi) - Getsemani (Coda) and mount Olivet (bric Petacchi)